Un’Italia sempre da riscoprire

Un’Italia sempre da riscoprire

Con quell’aria un po’ così, salmastra e svagata

Ci arrivi di mattina, magari in primavera, e vieni subito catturato da quell’aria svagata che si respira tra i suoi larghi viali. Le case sono rade, distanti fra loro, e tutte basse: villette o vecchie abitazioni di pescatori, qua e là ravvivate dalla presenza di ristoranti o piccoli alberghi; e poi, in mezzo ad esse, c’è sempre del verde, con pini e pioppi che lasciano, però, intravedere, sullo sfondo, la spiaggia e il mare. Al profumo dell’Adriatico si associa l’odore, inconfondibile e piacevole, che scaturisce delle attività portuali. Marina di Ravenna, infatti, confina a sinistra (guardando l’arenile) con il grande Candiano, il canale che collega Ravenna al mare Adriatico. Mentre alle spalle, l’abitato sfuma nella pialassa dei Piomboni, canali e bacini di acqua salmastra. La sensazione è quella di vivere su di una piattaforma sabbiosa strappata al mare. Una sorta di avamposto galleggiante. Una posizione privilegiata, nel cuore di quell’Italia sempre da riscoprire: la parte del nostro paese compresa tra Ravenna e il Po, tra le saline di Cervia e le pinete secolari, un territorio sul quale i fiumi ed il mare hanno prodotto cambiamenti a vista d’occhio. Una terra che affida il suo fascino al mistero della propria conformazione: c’è la spiaggia che avanza, ci sono bacini d’acqua marina (chiamati pialasse o valli) che il tempo ha come imprigionato dietro la linea di costa, ci sono i canali naturali e quelli costruiti dall’uomo per migliorare la navigazione o come opere d’idraulica. Non c’è nulla di semplice o di banale da capire. Bisogna provare un certo interesse per questa ‘geografia’ per afferrarne i segreti, che sono naturalistici e storici allo stesso tempo. Dai cordoni sabbiosi e dalle dune creati dal tempo, ai grandi canali voluti dai governanti del vecchio Stato Pontificio… Marina di Ravenna, tra le località della costa, racchiude in sé tutte le caratteristiche più rilevanti di questo speciale regione, a sud del Po: a partire, soprattutto, dal suo straripante arenile!

home-catalogo home-calendario