Ricordi e progetti: per le vacanze che verranno!

Ricordi e progetti: per le vacanze che verranno!

La memoria e i ricordi possono essere considerati l’ “impronta” di noi stessi, del nostro Io, e per questo motivo sono fondamentali per poterci rapportare con gli altri e ritrovare il senso dello stare qui ed ora.

Dobbiamo fare attenzione a non confondere la memoria che conta con quella di passaggio, di superficie, che si dissipa in un nonnulla. Quando infatti la nostra memoria se ne va, come le foglie in autunno, è segno che quei ricordi hanno fatto il loro tempo. Se ne devono andare per far spazio ad altro: è semplicemente, così! Invece di preoccuparci, di interrogarci su come trattenerli, invece di assumere farmaci, proviamo a pensare che nella vita ci sono cose che contano e altre no, e che la nostra memoria sa perfettamente come comportarsi.

Anzi, grazie ai suoi “tagli” riusciremo finalmente a comprendere chi siamo e che strada dobbiamo percorrere. La memoria non è un impiegato che svolge il suo lavoro meccanicamente, ma piuttosto è la preziosa depositaria di un progetto misterioso, il nostro. Lei sa dove condurci: memoria e oblio, in realtà, sono come la sua mano sinistra e la destra che si alternano saggi nel tessere la trama della nostra esistenza.

Ma i ricordi di una vacanza difficilmente si dimenticano o si cancellano totalmente nella loro interezza, perché è il potere magnifico dello “stare insieme” che scalfisce come un marchio a fuoco, con oro indelebile il segno di quella gioia che l’amicizia e la convivialità realizzano in maniera imperitura.

E’ proprio questa dimensione della memoria biografica ed esistenziale che ci invita a ritornare nelle nostre case, alle nostre occupazioni non con quell’angosciosa nostalgia, ma con l’entusiasmante progettualità di un momento di relax anche nella stagione invernale, ripensando a nuovi scenari con gli amici e gli affetti di sempre e con coloro che le strade della ferialità vorranno renderci in prezioso dono.

E’ bello pensare alla possibilità di fare accarezzare il proprio volto dalla brezza autunnale del vento che sfiora quella sabbia che conserva in maniera frammista le orme di quanti, dopo un’estate conclusa, ripercorrono tenacemente i giorni futuri portando con sè, nel loro cuore, la convinzione che “il calore del sole può essere sempre dentro di noi”.

Con l’augurio di poter riscoprire la bellezza del pensare a nuovi scorci di relax e benessere con tanti altri avventurosi viaggiatori nella storia dei giorni, qui in terra di Romagna, con l’accoglienza e la gratitudine di sempre per ciò che doni con la tua presenza.

 

Danilo Verdicchia

Dottore in Scienze dell’Educazione e della Formazione, Naturopata

daniloverdicchia@paideiasrl.com

home-catalogo
home-calendario