Il fascino discreto del ‘fuori stagione’ a Cervia e a Milano Marittima

Il fascino discreto del ‘fuori stagione’ a Cervia e a Milano Marittima

Dove domina il silenzio delle saline e delle pinete, alle spalle di due prestigiosi centri balneari.

Cervia-Milano Marittima, due cittadine in una, e così diverse fra loro! In comune il fatto che sono state progettate a tavolino, in secoli diversi: alla fine del ’600 la prima, come razionale “città del sale”, agli inizi del ’900 la seconda, come moderna località balneare all’interno della pineta. Se sceglierai queste spiagge per le Tue vacanze, procurati, in ogni caso, una bicicletta: ne hai di strada, e di sentieri, da fare per apprezzare il paesaggio verde delle pinete (centinaia di ettari, di quello che resta dell’imponente macchia mediterranea) e gli spazi irreali delle saline, oggi Riserva naturale di protezione animale. O per raggiungere le Terme (famose le sue benefiche cure di fanghi), magari attraversando il Parco naturale, a ridosso della vecchia ferrovia.

Come vedi, due località che sono cresciute senza distruggere il loro grande patrimonio ambientale. Un’eredità che non è andata dispersa. Ti sembra poco?

 Ed ecco le cose da non perdere assolutamente: da Piazza Garibaldi, a Cervia, puoi muoverTi per visitare la ‘cittadella dei salinari’ e la zona del porto dove, oltre alla pesca e al diporto, trovi l’area in cui viene  conservata magnificamente “l’archeologia industriale” legata alla produzione del sale (magazzini settecenteschi, torri, darsene…); e “lo struscio”, lo shopping elegante nei viali e nelle ‘rotonde’ di Milano Marittima, ricavati all’interno della vecchia pineta (ancora, in gran parte, tutta lì!).

home-catalogo
home-calendario