Caro amico, mi auguro che il prossimo anno sia come…Giuseppe Verdi!

Caro amico, mi auguro che il prossimo anno sia come…Giuseppe Verdi!

art-1

Ed ora ti spiego perché…

Caro Amico,

è arrivato il momento di scambiarci auguri e buoni propositi per il 2018.

E pure un po’ di entusiasmo. Non dico ottimismo, altrimenti sembra di far politica.

Fantasticare su un’Italia più serena e più prospera non è peccato! Specialmente se si tenta di fare qualcosa di positivo.

Ognuno per la propria parte.

E noi, nella Romagna delle vacanze, cosa dovremmo fare?

 

  1. Non dimenticare che la gente ci vuole bene, e ritorna, perché noi sappiamo sorridere. E non solo per convenienza.
  2. Darci da fare per rimanere noi stessi cambiando ed inventando tutto il possibile. A proposito, vuoi qualche esempio? Così, alla rinfusa.

 

La spiaggia si prepara a diventare attraente e vivibile anche oltre l’estate (lo chiamano il “mare d’inverno”… ma è sempre lui, il vecchio e pacifico Adriatico!).

A Rimini, nella sua Rimini, riapre i battenti il “Fulgor”, dove Federico Fellini da ragazzo si innamorò del Cinema e della Gradisca. Un Museo che tutti aspettavano. Ora imperdibile.

A Bologna (alle porte della Romagna) è stato inaugurato da poco FICO, ovvero la Fabbrica Italiana Contadina, il parco agro-alimentare più grande del mondo, che illumina ed esalta le nostre cose migliori, dalle campagne ben coltivate alle tavole ben imbandite…

Sempre a Rimini rivedrà la luce, fra pochi mesi, il maestoso Teatro Vittorio Emanuele II, finalmente restaurato, che nel 1857 fu inaugurato addirittura da Giuseppe Verdi con una sua opera inedita.

Come vedi, caro Amico, la Romagna non smentisce il suo passato, quando l’amore sconfinato per tutta la musica di Verdi si sommava al compiacimento per la vita grassa e gaudente, a partire dai piaceri della cucina… una filosofia di vita ben riassunta da un vecchio detto romagnolo:

Verdi l’è cume e’ baghin! Un gn’è gnint da butè via!

Verdi è come il maiale! Non c’è niente da buttar via!

E nell’auspicare che anche nel 2018 non ci sia niente da buttar via, ti invio i migliori auguri per un felice Natale ed un sereno anno nuovo.

Giovannino Montanari 

home-catalogo
home-calendario