Il Liscio non si esaurisce in una nottata, seppure di successo…

Il Liscio non si esaurisce in una nottata, seppure di successo…

art-6

Ed ora sta invadendo anche la letteratura, approdando al genere che oggi va per la maggiore, il Giallo.

Grande successo della Notte del Liscio, nella sua seconda edizione, realizzata nei giorni scorsi, e che ha trovato il suo epicentro a Bellaria-Igea Marina, una vera e propria capitale romagnola del liscio: sabato 10 giugno, infatti, ha visto uno degli appuntamenti clou della

Notte del Liscio proprio sul suo porto canale con l’Orchestra Casadei, con Morgan, Roy Paci, Eugenio Bennato e i Khorakhanè.

La Notte del Liscio si conferma il grande evento corale – promosso da APT Emilia Romagna – che ha visto tutto il territorio, dalla Riviera all’entroterra, celebrare questa icona della cultura popolare nelle sue forme più autentiche ma anche attraverso reinterpretazioni in chiave contemporanea. Le piazze e le spiagge si sono trasformate così in grandi balere, a suon di walzer, polka e mazurka, sulla scorta della prima, fortunata esperienza del 2016, che ha visto decine di miglia di spettatori ballare in tutta la Romagna ed applaudire grandi orchestre della tradizione e giovani artisti contemporanei.

La grande serata di Bellaria – Igea Marina è stata ripresa interamente dalla Rai, che la riproporrà il prossimo 16 agosto, per festeggiare gli ottant’anni di Raul Casadei.

Ma le fortune del Liscio non finiscono qui: ora la “civiltà” che questa musica rappresenta e racchiude sta approdando verso nuovi e qualificanti lidi, quelli della letteratura. Ed ecco a questo proposito l’ultimo esempio: è arrivato in libreria da pochi giorni Confessioni audaci di un ballerino di liscio, il nuovo romanzo di Paola Cereda (edito da Baldini & Castoldi). La scrittrice racconta la poesia del quotidiano che si nasconde nel Delta delle balere, ambientando tra le acque e le campagne del Polesine questo giallo avvincente e accattivante. Al centro di tutto c’è “Il Sorriso dancing club”, la balera più famosa del Polesine, che nell’occasione compie cinquant’anni. Il suo proprietario, Frank Saponara, organizza una grande festa di compleanno alla quale partecipa l’intera comunità … Frank è un ballerino di liscio che ha avuto tante donne quante sono le mazurche che ha ballato, ma quelle che hanno segnato la sua carriera sentimentale sono tre: Ivana, il suo primo amore, Kristelle, una star del porno, e Barbara, musicista e cantante. La sera del compleanno del Sorriso le tre donne si ritrovano sulla stessa pista mentre, poco distante, nella golena di Ca’ Silente, Vladimiro Emerenzin, amico di Saponara e poeta di paese, muore in strane circostanze. Tra le sue dita, un biglietto della festa alla quale non ha partecipato e una parola scritta a matita. Frank è chiamato a dare un senso a quell’ultimo messaggio e scopre che la vita è come il liscio: si balla in due e bisogna andare a tempo… Ma di più non possiamo raccontare. Trattasi di “un giallo”.

home-catalogo
home-calendario