2. Dovendo presentarci al Mondo intero abbiamo indossato l’abito da festa

2. Dovendo presentarci al Mondo intero abbiamo indossato l’abito da festa

art-2

Un vestito, quello della Romagna, che ci rappresenta meglio,

nel bene e nel male 

Per anni ci siamo presentati con questo biglietto da visita: Riviera Adriatica dell’Emilia Romagna, ma ora abbiamo cambiato idea e ci siamo organizzati diversamente. E’ nato, per l’appunto, un nuovo organismo – Destinazione Turistica Romagna – creato per promuovere in Italia e all’estero l’intero territorio delle province di Ferrara, Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini. Quindi non solo la Costa ma un’intera regione, la Romagna. Una svolta che andrebbe approfondita, ricca di risvolti non solo turistici, ma anche culturali e politici. Finalmente al centro della scena ci troviamo Lei: la terra di Romagna, quella che Fellini ha raccontato nei suoi film e Secondo Casadei nelle sue canzoni. Una Romagna, tanto per capirci, appartenente ad una civiltà che possiamo definire “popolare” e che qui ha dato buoni frutti… realizzando un laboratorio politico di prim’ordine (estremismo e massimalismo compresi, pure). Una Romagna, con quel tanto – o poco – che ancora rimane di sinceramente vivo, spontaneo…. Quella Romagna che si è fatta dal nulla, che sa fare bisboccia, ma anche dar vita a tante cooperative; una terra conviviale, cordiale, maestra di ospitalità… C’è ancora una Romagna così positiva? Noi diciamo di sì… Con l’avvertenza di non dimenticare il ‘padre nobile’ di tutta questa storia: Giovanni Pascoli. Il vero cantore della ‘dolce Romagna’. 

Questa “svolta” ha visto il suo prologo Sabato 24 novembre al Magazzino del Sale di Cervia, dove si è tenuta la presentazione del nuovo marchio e della nuova immagine coordinata della Destinazione Turistica Romagna. Sono intervenuti l’Assessore al Turismo della Regione Emilia-Romagna, Andrea Corsini, il Presidente di Destinazione Turistica Romagna, Andrea Gnassi, e il Sindaco di Cervia Luca Coffari.

In quella occasione è stato presentato il marchio costituito dal nome Romagna scritto in corsivo, con ogni lettera di colore diverso, corredato una didascalia che recita Lo dici e sorridi.  Un sorriso che allude, con tutta probabilità, a quella calda ospitalità e cordialità – che tutti ci riconoscono – e che ritrovi nei nostri albergatori come nella gente che incontri per strada; o forse a qualche serata, incancellabile, in discoteca o in balera?

 

Giuliano Ghirardelli

home-catalogo
home-calendario